La/Mine
Ambra Garlaschelli - Fabrizio De André - La Ballata Dell'Amore Cieco

Ambra Garlaschelli - Fabrizio De André - La Ballata Dell'Amore Cieco

8 EUR

La ballata dell’amore cieco (3’ 03’’)

Fabrizio De André – 1966

Nel marzo del 1966 il ventiseienne Fabrizio De André pubblica il suo nono 45 giri. Lato A: La canzone dell’amore perduto. Lato B: La ballata dell’amore cieco. Liberi di credere il contrario, ma è difficile pensare che dopo sia venuto un disco singolo migliore, perlomeno in Italia. Del resto qui siamo dalle parti del genio. La musica della Ballata suggerisce una filastrocca quasi spensierata (strofe intramezzate da uno scanzonato tralalalallallalero), mentre il testo descrive la storia di un amore tragico. Un uomo (onesto e probo, sottolinea De André) è perdutamente innamorato di una donna che è legittimo immaginare di una bellezza assoluta, ma dal cuore di ghiaccio. La donna chiede al ragazzo due prove di morte. Lui le esegue, e quando lei scorge il suo ultimo sorriso, capisce che la morte non ha avuto la meglio sul desiderio d’amore: “Morir contento e innamorato / Quando a lei niente era restato”, chiude il narratore. Il racconto cantato ne La ballata dell’amore cieco è ispirato a una poesia di Jean Richepin, poeta francese del secondo Ottocento/primo Novecento. È con canzoni come questa che Fabrizio de André ha conquistato per sé l’immortalità.

| lov 024
| La ballata dell’amore cieco
| Fabrizio De André
| Ambra Garlaschelli

published by This Is Not A Love Song